top of page

Stress e lavoro: attenzione alla sindrome di burn-out

Nelle scorse settimane abbiamo parlato dello stress in ambito sportivo e di alcune strategie che possono aiutare gli atleti a gestirlo al meglio. Questa settimana, invece, ci dedichiamo al mondo del lavoro, spingendoci ad analizzare la sindrome di burn-out.



Lo stress nell'ambiente lavorativo è un problema comune che molti dipendenti affrontano. Le cause dello stress possono variare da persona a persona e dipendere da diversi fattori, tra cui la natura del lavoro, la pressione delle scadenze, il sovraccarico di lavoro, i conflitti interpersonali, la mancanza di controllo decisionale, l'incertezza sul lavoro e molte altre circostanze.


Ecco alcuni fattori che possono contribuire allo stress nell'ambiente lavorativo:

  1. Carico di lavoro e scadenze: avere un carico di lavoro eccessivo o affrontare scadenze strette può causare stress. La pressione per raggiungere determinati obiettivi può essere intensa e può portare a sentimenti di ansia e frustrazione.

  2. Ambiente lavorativo poco supportivo: un ambiente lavorativo poco collaborativo può aumentare lo stress. I conflitti con colleghi o superiori, l'assenza di supporto e la mancanza di riconoscimento possono influire negativamente sul benessere psicologico.

  3. Mancanza di controllo decisionale: sentirsi privi di controllo sul proprio lavoro o non avere voce in capitolo nelle decisioni che riguardano il proprio ruolo può generare sentimenti di impotenza e aumentare lo stress.

  4. Insicurezza sul lavoro: l'instabilità del posto di lavoro, la paura dei licenziamenti o l'incertezza sul futuro dell'azienda possono essere fonti significative di stress.

  5. Squilibrio tra vita professionale e personale: dovere lavorare straordinariamente, avere orari di lavoro irregolari o sentire la pressione costante di essere sempre disponibili può portare ad un senso di affaticamento e al deterioramento della salute mentale, a causa del disequilibrio che si crea tra vita lavorativa e personale.

  6. Mancanza di sostegno sociale: un ambiente lavorativo isolante, con mancanza di sostegno sociale o di buone relazioni tra colleghi, può aumentare il senso di stress.

  7. Mancanza di opportunità di crescita: la mancanza di opportunità di crescita professionale o di sviluppo delle competenze può rendere il lavoro monotono e frustrante, generando stress a lungo termine.


Dal punto di vista del lavoratore è opportuno adottare alcune strategie di gestione delle stress, già ampiamente discusse in un articolo precedente, quali: tecniche di rilassamento e respirazione profonda, mindfulness, ristrutturazione cognitiva, supporto sociale, distanziamento emotivo, esercizio fisico, prendersi del tempo per se stessi.


L’azienda e i manager, d’altro canto, possono adottare anche loro delle strategie per evitare che i propri dipendenti arrivano a sperimentare stress: creare un ambiente di lavoro sano e supportivo, favorire la comunicazione aperta, offrire programmi di gestione dello stress, sostenere la formazione e lo sviluppo, promuovere un equilibrio sano tra vita professionale e personale.


Lo stress prolungato può portare i lavoratori a sperimentare la sindrome di burn-out. Andiamo a vedere insieme cos’è!


LA SINDROME DI BURN-OUT

La sindrome di burn-out è diventata sempre più diffusa negli ultimi anni, con un numero crescente di persone che sperimentano un collasso professionale a causa di stress cronico e pressioni lavorative eccessive.


La sindrome di burn-out è uno stato di esaurimento fisico, mentale ed emotivo causato da un prolungato stress lavorativo. È caratterizzata da una sensazione di stanchezza cronica, disimpegno emotivo, senso di inefficacia e diminuzione delle prestazioni lavorative. Il burn-out può colpire individui in diverse professioni e settori, da medici e infermieri a insegnanti, professionisti del settore IT e molti altri.


I sintomi del burn-out possono manifestarsi in diverse forme e possono variare da persona a persona. Alcuni dei segni comuni includono:

  1. Esaurimento fisico e mentale costante.

  2. Sentimenti di cinismo e disimpegno emotivo verso il lavoro.

  3. Ridotta capacità di concentrazione e memoria.

  4. Irritabilità e frustrazione costante.

  5. Diminuzione della motivazione e dell'efficacia lavorativa.

  6. Disturbi del sonno e dell'appetito.

  7. Problemi fisici come mal di testa, dolori muscolari e disturbi gastrointestinali.


La sindrome di burn-out è spesso il risultato di una combinazione di fattori lavorativi e personali. Alcune delle cause comuni includono: sovraccarico di lavoro (eccessiva quantità di lavoro, con scadenze strette e carichi di responsabilità elevati), mancanza di controllo (controllo sul proprio lavoro e autonomia decisionale che generano impotenza e frustrazione), ambiente lavorativo stressante (poco supportivo e conflittuale), disequilibrio tra vita professionale e personale (mancanza di tempo per il riposo e il recupero).


Prevenire e gestire il burn-out richiede un approccio olistico che coinvolge sia l'individuo che l'organizzazione.


Lo stress e la sindrome di burn-out possono avere gravi conseguenze sulla salute e sul benessere dei lavoratori. Sviluppare strategie di gestione dello stress, creare un equilibrio tra vita professionale e personale e promuovere un ambiente di lavoro sano sono passi fondamentali per prevenire il burn-out e promuovere il benessere dei dipendenti. Prendersi cura di sé stessi e cercare supporto quando necessario sono azioni importanti per preservare la salute mentale e costruire una carriera sostenibile e appagante.


Sei un lavoratore e ti senti stressato? Sei un manager e vuoi prevenire che i tuoi dipendenti vadano in burn-out? Contattaci nella nostra pagina dedicata o via mail a performupsrl@gmail.com.


12 visualizzazioni0 commenti

Commenti


bottom of page